L'installazione di Marta Djourina, presso Display, Berlino. Foto di Claudia Baldino