Eva Hide: l’arte nella Società senza Padre