Quarantanni d’artecontemporanea Massimo Minini 1973–2013

È online il nuovo sito