home Anticipazioni, Fiere, Notiziario The Armory Show 2016 | le gallerie

The Armory Show 2016 | le gallerie

The Armory Show ha annunciato oggi le gallerie partecipanti per l’edizione 2016, che si terrà dal 3 al 6 marzo a New York City. Fondata nel 1994 e si tiene ogni anno Piers 92 & 94, The Armory Show è la principale fiera internazionale d’arte di New York. Nella sua 22a edizione, The Armory Show ospiterà 204 gallerie provenienti da 36 paesi di tutto il mondo – insomma, la fiera con la più grande rappresentanza internazionale fino ad oggi.

Mentre la presenza di gallerie americane ed europee rimane estremamente forte, espositori provenienti da Africa, Asia, Caraibi e America Latina rappresentano una percentuale crescente di espositori internazionali della fiera. Le gallerie rappresentate a The Armory Show 2016 arrivano da: Argentina, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Cina, Colombia, Cuba, Danimarca, Etiopia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Islanda, India, Israele, Italia, Costa d’Avorio , Giappone, Kenia, Lussemburgo, Messico, Olanda, Nigeria, Norvegia, Portogallo, Arabia Saudita, Sud Africa, Corea del Sud, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti.

La lista completa degli espositori è disponibile da questo link.

Pier 94 – Contemporanea sarà caratterizzato da 113 gallerie premier. Alla lista delle gallerie consolidate si unisce un gruppo internazionale di nuovi espositori per il 2016 tra cui: Laura Bartlett Gallery (Londra), Galerie Guido W. Baudach (Berlino), Galerie Bugada & Cargnel (Parigi), Contemporary Fine Arts (Berlino), Galeria Fortes Vilaça (Sao Paulo), Goodman Gallery (Johannesburg, Città del Capo), Bruce Haines (Londra), Rhona Hoffman Gallery (Chicago), INK Studio (Pechino), Rodolphe Janssen (Bruxelles), Paul Kasmin Gallery (New York), Magazzino (Roma), OMR (Città del Messico), Ota Fine Arts (Tokyo), Galerie Francesca Pia (Zurigo), Jessica Silverman Gallery (San Francisco), STEVENSON (Città del Capo, Johannesburg), Galeria Luisa Strina (Sao Paulo), Timothy Taylor Gallery (Londra), Vilma Gold (Londra), Vistamare (Pescara) e Wentrup (Berlino).

Gallerie che espongono per la prima volta comprendono: Hezi Cohen Gallery (Tel Aviv), Vera Cortês Art Agency (Lisbona), Habana (L’Avana), Kadel Willborn (Dusseldorf), Meessen De Clercq (Bruxelles), Francesca Minini (Milano), Galleria Massimo Minini (Brescia), Galleria MOMO (Johannesburg, Città del Capo), MOT International (Londra) e SIM Galeria (Curitiba).

Molti solo-show nel padiglione 94: alla Galerie Guido W. Baudach (Berlin) i visitatori potranno sperimentare le opere mixed-media da post-internet dell’artista Yves Scherer. Contemporary Fine Arts (Berlino) presenterà le nuove opere del pittore tedesco Daniel Richter. Alla Galleria Espace (Nuova Delhi), tre decenni di stampa le opere di origine indiana Zarina Hashmi. Hales Gallery (Londra) presenterà opere recenti dal celebre pittore inglese di origine della Guyana, Frank Bowling. Galerie Nordenhake (Berlino, Stoccolma) mostrerà una straordinaria selezione di austere autoritratti fotografici di John Coplans. E Praz-Delavallade (Parigi) presenterà Matthew Brandt, il fotografo americano di origine il cui lavoro spinge continuamente i limiti del suo mezzo.

Altrove su Pier 94 – Contemporanea, i visitatori troveranno le opere di artisti più ricercati tra cui: le recenti sculture di Frank Stella a Marianne Boesky Gallery (New York); nuove opere della fotografa di origine tedesca Candida Höfer da Ben Brown Fine Arts (Londra, Hong Kong), Lucio Fontana e Pino Pinelli da Cardi (Milano); fotografie di Carrie Mae Weems alla Pippy Houldsworth Gallery (Londra); Alberto Burri e Nunzio di Stefano da Mazzoleni (Torino, Londra); una nuova “mappa mentale” dipinta da Franz Ackermann alla Galerie Daniel Templon (Parigi, Bruxelles); e acqueforti di collaborazione di Elizabeth Peyton e Matthew Barney alla Two Palms (New York).

Pier 92 – Modern sarà caratterizzato da 55 gallerie che presentano capolavori moderni del 20° secolo. Nuovi espositori per il 2016 sono: Aicon Gallery (New York), Gana Art (Seoul, Busan) e Ludorff (Dusseldorf). Gallerie che espongono per la prima volta comprendono: 401contemporary (Berlino), Bernard Ceysson (Lussemburgo), Cortesi Gallery (Lugano), Donald Ellis Gallery (New York), Michael Hoppen (Londra), Montrasio Arte / Km0 (Monza, Innsbruck, Milano) e Leslie Tonkonow Opere + Projects (New York).

Nel Pier 92 – Modern una serie di presentazioni di qualità museale e indagini storiche: opere di Alexander Calder da Jonathan Boos (New York), Milton Avery da DC Moore Gallery (New York), Marsden Hartley da James Reinish & Associates, Inc . (New York), completano una forte presentazione di maestri modernisti americani. I visitatori potranno scoprire pezzi emozionanti del Movimento Zero, tra rilievi in ​​metallo, sculture e opere cinetiche di Heinz Mack da Beck & Eggeling International Fine Art (Dusseldorf) e sculture di Agostino Bonalumi da Cortesi Gallery (Lugano, Londra). Mayoral (Barcelona, ​​Verdú) ricreerà lo studio di Jean Mirò, con oltre 25 dipinti e disegni realizzati nel periodo post-bellico. Montrasio Arte / Km0 (Monza, Innsbruck, Milano) riunirà Joseph Beuys e Salvatore Scarpitta in uno studio comparativo. Louis Stern Fine Arts (West Hollywood) presenterà artista una coppia di pionieri della pittura hard-edge, Lorser Feitelson e Helen Lundeberg con opere raramente esposte al di là della West Coast. Alla John Szoke Gallery (New York), disegni, stampe e dipinti di Pablo Picasso, temi specifici nella produzione dell’artista.

Armory Presents, giunto alla sua terza edizione, mette in evidenza i programmi di gallerie emergenti con presentazioni di singolo e doppio artista di gallerie con meno di dieci anni di attività. Nella sezione: Ed Fornieles, che attiverà i suoi Fox persona alla Carlos/Ishikawa (Londra), trasformando lo stand in un data-hub interattivo. Julian Charrière scioglierà e tramuterà gli elementi della tecnologia moderna per creare un’installazione scultorea unica alla DITTRICH & SCHLECHTRIEM (Berlino). Daniel Faria Gallery (Toronto) esporrà due corpi recenti del lavoro dell’erudito canadese e riconosciuto a livello internazionale Douglas Coupland. Alla Garth Greenan Gallery (New York), nuove e storiche opere di Gladys Nilsson saranno giustapposte contro le presentazioni dei contemporanei. Il fotografo americano e scultore Letha Wilson avrà la suo prima personale in fiera alla Higher Pictures (New York). Alla Klaus von Nichtssagend Gallery (New York), David Scanavino creerà un ambiente scultoreo, che coprirà il pavimento da parete a parete con piastrelle di linoleum colorate.

Armory focus, giunta alla sua settima edizione, è una sezione ad invito al Pier 94 che evidenzia il panorama artistico di una regione diversa ogni anno. Focus: African Perspectives – Mette in luce le pratiche artistiche di artisti globali contemporanei, si muove oltre le idee convenzionali del continente africano e la sua “controparte”, “l’emisfero occidentale”, che fornisce uno spaccato della produzione artistica internazionale dal punto di vista degli artisti africani contemporanei. Il Armory Focus 2016 è a cura di Julia Grosse e Yvette Mutumba, fondatori di Contemporary And (C &), una piattaforma online per l’arte internazionale da prospettive africane. Per la prima volta nella storia di The Armory Show, la fiera accoglierà gallerie provenienti da Etiopia, Costa d’Avorio, Kenya e Nigeria. Ma anche da: Francia, Germania, Sud Africa, Regno Unito e Stati Uniti. Ogni stand sarà caratterizzato da un assolo o doppia presentazione, evidenziando artisti emergenti e affermati provenienti da Africa e African Diaspora.

In evidenza anche: Art Twenty One (Lagos) che presenterà le opere fotografiche del fotografo guineano-svizzero, Namsa Leuba, il cui immaginario teatrale combina un interesse per l’antropologia, le prestazioni e la moda. Blank presenterà il lavoro del vincitore del Premio FNB Art Turiya Magadlela: allungando e piegando panni comuni come teli di nylon e attraverso cornici in legno, Magadlela crea morbidi, a volte traslucidi pannelli di grandi dimensioni che ricordano quadri astratti espressionisti. Circle Art Gallery (Nairobi) esporrà il lavoro dell’artista multimediale keniano di nascita ma residente a e Rotterdam, Ato Malinda, le cui tre installazioni video e una serie di dodici fotografie affrontano l’estetica all’interno e all’esterno della comunità LGBT. Mariane Ibrahim Gallery (Seattle) presenterà il nigeriano Rubino Onyinyechi Amanze, i cui disegni raffigurano un universo fluttuante e quasi evanescente, popolato da creature oniriche che enfatizzano la sua visione del mondo nomade. Vigo Gallery (Londra) presenterà rare, opere di qualità museale dal 1960 ad oggi dal venerato pittore sudanese, Ibrahim El-Salahi. Questa presentazione straordinario comprende opere esposte nella mostra Ibrahim El-Salahi: Un modernista visionario alla Tate Modern nel 2013. Le Gallerie Tanja Wagner (Berlino) e Jérôme Poggi (Parigi) avranno entrambi in mostr, Kapwani Kiwanga l’artista che quest’anno curerà l’immagine della comunicazione dell’Armory . Commissione di Kiwanga sarà composto da un nuovo progetto appositamente ideato per The Armory Show e realizzato da Galerie Tanja Wagner (Berlino). Kiwanga ha una pratica versatile che spesso prende forma attraverso il video, il suono e le prestazioni, basandosi su cose effimere e storia collettiva per formare le basi del suo approccio.

Translate »