Per le ferite, per i vuoti. La ricerca “familiare” di Michele Lombardo