Di fili e di segni, di mani e di cuori: una mostra che riscatta l’incisione