Dove ci infileremo tutta questa bellezza?

La settimana di “Segno” comincia con una riflessione sulla “Bellezza” di Dario Orphée La Mendola: una provocazione o una rassegnata consapevolezza sul “cattivo gusto” che ci circonda e quel “capovolgimento immanente” che, teorizzato da Baudrillard negli anni Ottanta, oggi è molto più che riassestato. 1) I tedeschi hanno una parola per indicare quello che in …

Minchia che arte!

Elevare l’indecisione fino a conferirle dignità politica. Porla in equilibrio con il potere. (G. Clément, Manifesto del terzo paesaggio, Quodlibet, pag. 61)   La mia professoressa di storia dell’arte, una donnina zitella e isterica, sosteneva che se non avessimo saputo interpretare l’arte contemporanea, avremmo fatto la fine delle lumache (i babbaluci, in siciliano), le quali, …

La solitudine del curatore #1

Tempo fa soggiornai a Milano poiché dovevo recensire alcune mostre. Trovandomi nell’estremo nord italiano (per me, individuo provinciale, è davvero estremo), decisi di far vista a un pittore molto importante che vive in provincia di Cremona; sapendo della sua discrezione, preferisco non scrivere il suo nome. Giunto stranamente in anticipo alla stazione Garibaldi (in realtà …

L’estetica ecologica e la necessità dell’ecosofia nell’arte

1.Prese a esame le due sfere dell’esistenza, quelle che per convenzione posseggono vita [1] e sono in grado di rinnovarla, ovvero la Natura e l’uomo, possiamo affermare sinteticamente che autonoma attività della prima è permettere vita al secondo [2], e dipendente attività del secondo è realizzare amorevolmente arte (technē) per prendersi cura della Natura e comprenderne il …

Antonio Presti, Le Rocce e altri racconti

Il fatto. Il 18 novembre del 2016 alla Fondazione Fiumara d’Arte, presieduta dell’artista-mecenate siciliano Antonio Presti, furono consegnate ufficialmente, da parte della Città Metropolitana di Messina, le chiavi del Villaggio Le Rocce di Capo Mazzarò, a Taormina, struttura turistica attiva dalla metà degli anni cinquanta ai primi anni settanta, negli anni ottanta divenuta di proprietà …

Si, No, Interrogativi e Riserve sull’Art-Week Bolognese

E anche quest’anno Arte Fiera si è chiusa mettendo in quota 42 edizioni. Arte Fiera la prima, Arte Fiera la storica, Arte Fiera che cerca se stessa… Ribadisco immediatamente il giudizio complessivamente positivo dato qualche giorno fa, anche se, tuttavia, necessita di essere ulteriormente argomentato poiché il mio SI porta comunque con sé molte riserve. …

Manifesta Palermo – Il giardino. Prima parte

Per considerare il corretto rapporto tra arte e natura, dobbiamo immaginare, su un piano, due semirette che, aventi la stessa origine, dirigono il proprio “sguardo” all’infinito per conto proprio; e cioè: esse sono sempre più vicine laddove spartiscono l’invisibile punto che le ha generate, e sempre più distanti agli estremi. Ebbene, questo essenziale schizzo costruito …

Riflessioni sul dopo Artissima 2017

A una settimana dalla chiusura di Artissima 2017, la prima firmata dalla nuova direttrice Ilaria Bonacossa, dopo avere lasciato decantare immagini e impressioni, proviamo a dare una possibile chiave di lettura e di visione di un universo sempre più difficile da decifrare. Come prima cosa bisogna tenere a mente quali sono i reali intenti di …

Riparliamo di Biennale – opinioni e sguardi di Segno

Continuiamo con il proporre gli approfondimenti più interessati pubblicati sul numero 263 di Segno per richiamare l’attenzione sulla  Biennale di Venezia Vi invitiamo a leggere l’ opinione di Pietro Marino in L’eco ovattato del mondo reale. Non si può dire che non abbia mantenuto le sue promesse Christine Macel, la curatrice francese del Centre Pompidou designata …

La moda della morte dell’arte

L’arte è morta? Chi può dirlo. Ciò che notiamo è la costante teorizzazione di un’arte non più in grado di incidere sul piano storico, e l’altrettanto costante produzione di massa di opere generosamente definite “artistiche”. Chi fu il primo ad affermare tale morte dell’arte? E qual è il suo stato di salute oggi? Nell’articolo alcune …

L’arte di farsi rispettare (dalla politica siciliana)

La politica è un’arte, non c’è dubbio. Alcuni considerano le due attività scisse, altri due faccie della stessa medaglia. C’è chi denota una pesante ingerenza della prima nei confronti della seconda, e chi è convinto che entrambe vivano in armonia. In Sicilia, invece? In un viaggio tra pagine di filosofia, di sociologia, poesie cantate e …

Riparliamo di Biennale – opinioni e sguardi di Segno

Della Biennale di Venezia se ne è parlato tantissimo nei giorni immediatamente successivi all’inaugurazione dello scorso 13 maggio, e in quel momento le opinioni, le polemiche e i giudizi non sono mancati. Tuttavia l’estate pare abbia addormentato la laguna facendo dimenticare a molti che la rassegna internazionale è tuttora in corso, e che chiuderà soltanto …

L’inesistenza del pubblico

Considerato secondario all’interno del sistema dell’arte, a volte non considerato affatto, il pubblico è in realtà il custode più importante del valore interno delle opere, nonché l’esclusivo destinatario. Ma quando nasce la coscienza del pubblico, e quando essa inizia a contestualizzare il suo compito? In un racconto surreale, l’analisi di una lacuna e la probabile …

Chiusura “Fabbriche Chiaramontane”, l’arte e il vuoto

Agrigento ha perduto uno dei poli artistici più importanti: le Fabbriche Chiaramontane. Attive fin dai primi anni del 2000, e animate dai membri dell’”Associazione Amici della Pittura Siciliana dell’Ottocento”, hanno inciso nel panorama culturale della Città dei Templi con mostre di notevole interesse storico-artistico, nonché promuovendo i nuovi linguaggi con il “Premio Fam Giovani per …

La progettazione della professionalità dell’artista

A cosa attinge l’immaginazione di un artista? Al mondo? E cosa sarà mai il mondo? Attraverso un’analisi veloce, questo articolo “mette in fila” alcuni punti importanti della progettazione e della professionalità dell’artista: figura emblematica, saldamente ancorata a luoghi comuni impossibili da distruggere, e che probabilmente si interroga ancora, dopo parecchi secoli, sulla costituzione del sistema …

DISIO | Nostalgia del futuro

S’intitola Disio. Nostalgia del futuro la mostra promossa dall’Ambasciata d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura, in collaborazione con il Centro Cultural Chacao, Cultura Chacao, Sala TAC, Trasnocho Cultural, CAVENIT, Vinccler, Trevi, Fundavag-Vagnoni, Ghella, Bulkguasare, Astaldi e Solera, a Caracas in Venezuela, a cura di Antonello Tolve. Si tratta di un’esposizione internazionale, con tanti artisti pensata, innanzi tutto, per …

Di Arte e di Fragilità: istruzioni per l’uso

Nella Storia collettiva ci sono momenti nei quali una sensibilità particolare riesce a cogliere qualcosa di profondo che è dentro tutti noi ma che non riusciamo a esprimere compiutamente. È il caso di Roberto Gramiccia, che con il suo ultimo libro “Elogio della Fragilità” è riuscito a dare sostanza e dignità a un sentire diffuso …

Pensare Documenta 14 Atene: le opere da vedere e perché

Dopo mesi di attesa, l’8 aprile 2017 si è finalmente aperta al pubblico l’attesissima 14esima edizione di Documenta che, per la prima volta nella sua storia, amplia il proprio centro espositivo da Kassel ad Atene. Aprire la storica manifestazione tedesca nella capitale greca è un’operazione politica e culturale che, secondo la visione curatoriale del suo direttore artistico Adam …